stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Violenza di fronte ai bambini, la ex costretta a cambiare i percorsi: arrestato a Catania
CARABINIERI

Violenza di fronte ai bambini, la ex costretta a cambiare i percorsi: arrestato a Catania

La Procura distrettuale di Catania, dopo avere indagato su un 35enne di Catania per maltrattamenti nei confronti dell’ex convivente, ha richiesto ed ottenuto nei suoi confronti la misura cautelare degli arresti domiciliari con dispositivo elettronico. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale etneo e è stato eseguito dai carabinieri della stazione di Librino.

Le indagini, coordinate dal pool di magistrati specializzati in materia di reati di violenza di genere, seppur in uno stato del procedimento nel quale non è ancora intervenuto il contraddittorio con l’indagato, hanno fatto luce sulle condotte poste in essere dall’uomo, che si sarebbe reso responsabile di continue vessazioni psicologiche e fisiche, anche in presenza di uno dei figli minori.

La decisione di interrompere la convivenza da parte della compagna, 33enne catanese, non sarebbe stata accettata dall’uomo che avrebbe reagito rendendo la vita della donna particolarmente penosa e dolorosa.

L’uomo, in un arco temporale compreso tra il 2020 ed il 2022, avrebbe tempestato la ex con uno stillicidio di messaggi e telefonate che, il più delle volte, ventilavano minacce di morte e gravi ritorsioni in danno di lei e, in particolare, di suo fratello, di 54 anni.

Di recente il 35enne avrebbe minacciato di morte l’ex compagna, in occasione del compleanno di uno dei loro figli, perché questi ultimi si rifiutavano di parlare al telefono con lui e di incontrarlo, addirittura minacciando di gravi ritorsioni anche il professionista che assiste legalmente la donna.

In più occasioni, inoltre, l’uomo avrebbe proferito minacce di morte, neanche tanto velate, alla donna «la mente è un filo di capello», «speriamo che un giorno un camion ti butta per aria», non mancando di denigrarla ed ingiuriarla costantemente, facendo allo stesso modo anche con i suoi familiari.

L’uomo, che avrebbe agito con indifferenza e trascuratezza verso i basilari bisogni affettivi e di tutela dei figli minorenni, li avrebbe resi spettatori dei maltrattamenti alla madre o comunque coinvolgendoli negli episodi di violenza e aggressività. Il 35enne, in tal modo, avrebbe assunto nei confronti della donna una posizione dominante basata sulla iraconda prevaricazione fisica e psicologica, che avrebbe fatto piombare la donna in un perdurante stato di ansia e di paura. La stessa, avendo il fondato timore per l’incolumità propria e dei suoi congiunti, avrebbe modificato le proprie abitudini di vita, cambiando spesso percorso stradale per accompagnare i figli o scegliendo vie affollate per sbrigare le proprie commissioni, ciò al solo fine di evitare d’incontrare l’uomo o di restare da sola senza l’aiuto di qualcuno.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X