Questo sito contribuisce all’audience di Quotidiano Nazionale

La sparatoria a San Giovanni La Punta, affiliato al clan Santapaola-Ercolano tra i denunciati

ln tre avrebbero picchiato e poi gambizzato un uomo di 39 anni nei pressi del centro commerciale Le Zagare. Il motivo del contendere sarebbe da ricondurre all’attività lavorativa della vittima

Tre persone sono state denunciate per lesioni personali aggravate e porto abusivo di armi dai carabinieri del comando provinciale di Catania nell’ambito delle indagini sul ferimento a una tibia, con un colpo di arma da fuoco, di un 39enne avvenuto il pomeriggio del 31 ottobre scorso nella rotatoria davanti al centro commerciale Le Zagare di San Giovanni La Punta. Sono un affiliato al clan Santapaola-Ercolano di 50 anni, suo figlio di 22 anni e un 26enne, quest’ultimi due entrambi incensurati. Il movente della sparatoria sarebbe da ricondurre a un dissidio di natura privata, probabilmente riconducibile all’attività lavorativa della vittima, che è stata sottoposta a intervento chirurgico al Policlinico per l’estrazione del proiettile.

Le indagini dei carabinieri della compagnia di Gravina di Catania e del nucleo Investigativo del comando provinciale sono state coordinate dalla Procura del capoluogo etneo e si sono avvalse anche della visione di video di telecamere di sorveglianza, che hanno permesso di ricostruire la vicenda. La vittima avrebbe incontrato i tre uomini per un appuntamento tra loro. Dopo un breve scambio di battute, il 39enne sarebbe stato colpito con pugni e una mazza da baseball. Poi uno dei tre, verosimilmente il 26enne secondo quanto emerso dalle indagini, avrebbero sparato due colpi d’arma da fuoco, colpendolo una sola volta alla gamba. I tre sarebbero poi subiti fuggiti in direzioni diverse: due a bordo di una Smart, risultata presa a noleggio, e il terzo su uno scooter.

La stessa sera della sparatoria i carabinieri hanno bloccato il 50enne, mentre era bordo di un’auto, e il suo figlio, di 22 anni, che era invece a casa. I due sono stati portati nella sede del comando provinciale di Catania dove sono stati sottoposti all’accertamento della presenza di polveri da sparo sugli indumenti. Il terzo indagato, di 26 anni, si è presentato spontaneamente nel pomeriggio di oggi alla compagnia dei carabinieri di Gravina di Catania.

Tag:

Caricamento commenti

Commenta la notizia