stampa
Dimensione testo
L'INIZIATIVA

Un museo interattivo nella Catania barocca

Catania Living Lab di Cultura e Tecnologia, il primo laboratorio sperimentale per la valorizzazione e la comunicazione dei beni culturali

CATANIA.«Mi sono emozionato nel vedere questa fantastica ricostruzione filmata dell'Anfiteatro romano di Catania». Lo ha detto il sindaco di Catania, Enzo Bianco, al
termine della conferenza stampa, nella Sala consiglio di Palazzo degli elefanti, per la presentazione del Catania Living Lab di Cultura e Tecnologia, il primo laboratorio sperimentale per la valorizzazione e la comunicazione dei beni culturali. Erano presenti, tra gli altri, il presidente del Cnr, Luigi Nicolais, il direttore dell'Ibam Cnr, Daniele Malfitana, l'assessore alla Cultura e al Turismo, Orazio Licandro, il consulente del Sindaco per il marketing territoriale, Livio Gigliuto, e Giuseppe Sajeva di Engineering, l'azienda capofila del progetto DiCeT.

Il Catania Living Lab di cultura e tecnologia, è stato spiegato nel corso della conferenza stampa, nasce dalla consolidata collaborazione fra il Comune di Catania e l'Ibam, Istituto per i beni archeologici e monumentali del Cnr nell'ambito del progetto di ricerca Pon finanziato dal Miur sulle Smart Cities. Il progetto ha l'obiettivo di realizzare processi e strumenti innovativi per lo sviluppo sostenibile attraverso la valorizzazione dei beni culturali mettendo insieme Pubblica amministrazione, aziende,sistema della ricerca, cittadini e turisti. Il Living Lab catanese garantisce un'esperienza culturale di lungo termine avviando nuove forme di narrazione multimediale ed emozionale per arricchire la conoscenza collettiva del patrimonio culturale.

«L'apertura di una struttura innovativa come questa - ha detto Enzo Bianco - diventa snodo tra la ricerca e la Catania che si pone all'avanguardia nel turismo culturale. Un salto di qualità cementato dalla collaborazione con il Cnr».

«Il presidente Nicolais, al quale ci legano amicizia e condivisione di progetti innovativi sin da quando era assessore in Campania e poi ministro, ha visitato più volte Catania - ha aggiunto Bianco -. Oggi però lo accogliamo in una città che pullula di iniziative e spettacoli e che è sempre di più meta turistica, grazie anche al suo barocco e all'Etna, entrambi patrimonio dell'Unesco. Catania è inoltre cuore di un bacino di destinazioni di grande richiamo all'interno del Distretto del Sud-est. Accoglieremo il presidente Nicolais presto per una nuova
iniziativa che, voglio anticipare, riguarderà l'anfiteatro romano e rappresenterà un'ulteriore tappa di questo importante progetto».

«Comincia sempre più a concretizzarsi - ha aggiunto Nicolais - l'idea a cui in questi anni abbiamo lavorato con determinazione, cioè che non esistono barriere tra chi fa ricerca e chi, invece, quella ricerca vuole fruirla e decifrarla, cioè la società tutta e nel caso specifico la città di Catania. L'idea di creare un laboratorio sperimentale di questo tipo che mette insieme i nostri ricercatori, la pubblica amministrazione, la città, la società, nasce dal fatto che sono aumentate le esigenze di conoscenza ma anche di linguaggi capaci di sorprendere, attrarre, emozionare nel presentare il nostro patrimonio culturale.

"L'Ibam - ha sottolineato Malfitana - ha creduto molto in questi anni al rapporto col territorio e con la città. Il Living Lab che inauguriamo vedrà i nostri giovani ricercatori dialogare con chi fruirà degli spazi, con chi vorrà partecipare a progettare un nuovo modo di percepire lo straordinario patrimonio culturale della nostra città, ancora purtroppo molto frammentato e poco valorizzato".

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X