stampa
Dimensione testo
CATANIA

Sant'Agata, comitato punta al riconoscimento Unesco

festa, sant'agata, unesco, Catania, Cultura
Festa di Sant'Agata

CATANIA. Il Comitato per la Festa di Sant'Agata ha reso noto di aver inviato alla Regione Siciliana, in piena condivisione con l’arcivescovo metropolita di Catania Salvatore Gristina e il sindaco Enzo Bianco, la documentazione per l’iscrizione della Festa di Sant'Agata nel Reis, il Registro delle eredità immateriali, atto propedeutico alla richiesta del riconoscimento da parte dell’Unesco come Bene immateriale patrimonio dell’Umanità.

«La Festa - ha dichiarato Bianco - rappresenta Catania in tutto il mondo e ogni anno il numero di devoti e turisti aumenta sensibilmente. Valorizzarla ancor di più è un dovere di tutti. Ecco perché abbiamo l’ambizione di vedere la nostra Festa ottenere il riconoscimento di Patrimonio dell’Umanità. Non sarà facile, ma ci proveremo. In questo modo Catania e il nostro territorio potrebbero diventare un unicum mondiale, con tre Beni Unesco: l’architettura tardo-barocca, l’Etna e, speriamo, la Festa di Sant'Agata».

«Il riconoscimento regionale - ha spiegato il presidente del Comitato, Francesco Marano - è un passaggio doveroso. Abbiamo inviato il fascicolo all’assessorato ai Beni culturali guidato da Carlo Vermiglio, da sempre attento alla nostra Festa, tramite la Sovrintendenza di Catania che ha indirizzato la pratica. La documentazione con la storia della Festa e con contributi video-bibliografici è stata approntata, grazie ai preziosi consigli della professoressa Teresa Di Blasi e del direttore del Cunes Paolo Patanè, dagli uffici del Comune di Catania, in particolare dall’avvocato Giusy Mannino».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X