stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Le Salinelle di Paternò attirano le attenzioni di sessanta studiosi
NEL CATANESE

Le Salinelle di Paternò attirano le attenzioni di sessanta studiosi

di

PATERNO'. Sessanta ricercatori provenienti da tutto il mondo (Usa, Corea del Sud, Gran Bretagna e Siberia, accompagnati da Salvo Giammanco ricercatore dell’Ingv di Catania, hanno visitato ieri le Salinelle di Paternò, un fenomeno di vulcanismo secondario, presente nel territorio di Paternò e Belpasso. «La presenza degli studiosi - dice Salvo Giammanco - deriva da un workshop, un incontro di studio e di ricerca organizzato dall’Ingv con l’obiettivo di portare su questi luoghi cosi interessanti studiosi in grado di occuparsi del fenomeno».

I ricercatori si sono mostrati particolarmente interessati all’Etna e al fenomeno delle Salinelle. «L’Etna è un laboratorio naturale magnifico grazie alla sua facilità di accesso, al fatto che ha una attività vulcanica molto intensa e costante». La visita dei ricercatori è coincisa con il momento in cui, negli ultimi giorni, le Salinelle dei Cappuccini sono particolarmente intense, la loro attività è vivace. Sono sei le bocche che, di recente, sono in ebollizione: bocche comunque piccole, ma che non destano alcuna preoccupazione per i residenti della zona.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X