LA BORSA DI STUDIO

Medicina, affidata a una catanese la ricerca cervello-intestino

di
Horizon 2020, ricerca cervello-intestino, Giulia Malaguarnera, Catania, Cultura

La catanese Giulia Malaguarnera è la ricercatrice che ha vinto la prestigiosa borsa «Marie Skłodowska Curie Individual Fellowship» per il progetto Goc-MM. La studiosa, trent'anni, del dipartimento di Scienze biomediche e biotecnologiche partirà il 6 maggio alla volta di Rennes, in Francia, nella cui Università svolgerà il biennio di ricerca finanziato per un totale di 184,707.84 euro.

Il progetto, come lei stessa ci racconta, si svolgerà in team e si occuperà di sviluppare un organ-on-a-chip con l'obiettivo di studiare l'asse cervello-intestino e le interazioni metaboliche correlate. «L'obiettivo - spiega la ricercatrice - è di creare un brevetto per costruire l'organ on a chip che serve a simulare l'ambiente dell'organismo e ci consente di studiare dei metaboliti che possono interferire a livello neurologico». Il progetto prevede la formazione e il supporto della start-up Nbic Valley creando una stretta correlazione tra innovazione nell'università e nell'industria.

Nell'ambito dei progetti Horizon 2020, le borse di eccellenza indirizzate ai giovani ricercatori sono l'Erc e la Marie Sklodowska-Curie Individual Fellowship che promuove l'eccellenza e l'innovazione, offrendo interessanti opportunità di carriera e di scambio di conoscenze attraverso la cooperazione internazionale e la mobilità intersettoriale dei ricercatori.

L’articolo nell’edizione della Sicilia Orientale del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X