stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Acireale, riapre la chiesa danneggiata dal "Sisma di Santo Stefano"
BENI CULTURALI

Acireale, riapre la chiesa danneggiata dal "Sisma di Santo Stefano"

beni culturali, Catania, Cultura

La chiesa della frazione Fiandaca di Acireale è finalmente pronta a riaprire le sue porte. E lo farà il prossimo giovedì, 2 luglio,  con una Messa officiata dal Vescovo di Acireale Mons. Antonino Raspanti. La chiesa era infatti rimasta danneggiata dal Sisma di Santo Stefano del 2018. 

L'appuntamento è per le 19. A renderlo noto è la Diocesi di Acireale, che in una nota definisce la riapertura "un ulteriore segno di speranza in uno dei centri maggiormente colpiti dal terremoto".

"La comunità - continua la nota - si riappropria della propria chiesa, dedicata a Santa Maria delle Grazie, ristrutturata con le offerte delle Diocesi siciliane raccolte in occasione della giornata a favore delle comunità colpite dal sisma". Il costo totale del rifacimento della chiesa ammonta a circa 40.000 euro".

La chiesa, costruita agli inizi del XIX secolo, nel tempo ha subito più volte le conseguenze di terremoti. Fu danneggiata nel 1864, 1879 e nel 1894 e fu restaurata nel 1904. Altri terremoti nel 1908, 1914 e 1984. La chiesa fu poi riaperta nel 1995.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X