stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia St Microelectronics di Catania, cassa integrazione per 2.200 lavoratori
ETNA VALLEY

St Microelectronics di Catania, cassa integrazione per 2.200 lavoratori

Per il segretario generale della Fiom Cgil etnea, Stefano Materia "Il nostro timore è che dietro questa scelta ci sia un problema industriale molto più grande e che spegnendo le macchine per una crisi momentanea oggi, si finisca per non riaccenderle domani"

CATANIA. Brutte notizie per 2200 lavoratori della St Microelectronics di Catania per i quali scatterà la cassa integrazione. Per il segretario generale della Fiom Cgil etnea, Stefano Materia «l'azienda avrebbe potuto ridurre e modulare come da proposta sindacale il monte dei giorni di ferie di cui non tutti avevano disponibilità, invece ha preferito ricorrere alla cassa integrazione. Il nostro timore è che dietro questa scelta ci sia un  problema industriale molto più grande e che spegnendo le macchine per una crisi momentanea oggi, si finisca per non riaccenderle domani. E far saltare gli investimenti per il Modulo 9».

STMicroelectronics N.V. è un'azienda franco-italiana con sede a Ginevra (Svizzera), per la produzione di componenti elettronici a semiconduttore. È presente principalmente in Italia (tramite la consociata STMicroelectronics srl) ad Agrate Brianza, Cornaredo (Castelletto), Marcianise (Caserta), Catania e Arzano, e all'estero in Francia, Malta, Stati Uniti, Cina, Marocco, Singapore e Malesia. È oggi guidata da Carlo Bozotti, Presidente e Chief Executive Officer. Gli importanti impianti manifatturieri e laboratori di ricerca e sviluppo che la ST ha a Catania sono stati il nucleo principale della cosiddetta Etna Valley.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X