LAVORO

Verso la chiusura del Cara di Mineo, protesta dei lavoratori a Catania

di
cara di mineo, LAVORO, migranti, Catania, Economia
Foto di Danilo Parasole

Nuova protesta dei lavoratori del Cara di Mineo questa mattina davanti alla Prefettura di Catania. Nel sit-in, promosso dalla Uil, i lavoratori chiedono risposte sul loro futuro, dopo la decisione del Viminale di chiudere il centro.

Domani e giovedì 4 aprile si fermeranno gli addetti alle pulizie, quelli dei servizi alla persona e multiservizi.

Sono in totale 300 gli operatori che da 7 anni lavorano nella struttura e 80 quelli ancora in servizio. Nel frattempo il numero dei migranti si va riducendo dopo i primi trasferimenti verso altri centri.

La Filcams Cgil Sicilia dice: "I lavoratori dell'accoglienza sono in stato di agitazione per il ritardo delle retribuzioni che si protrae ormai da tre mesi. Oggi pomeriggio (ieri, ndr) nella riunione in Prefettura a Catania tra aziende e rappresentanti della Filcams Cgil Caltagirone non sono emerse soluzioni immediate. Il committente pubblico deve attivarsi in tutti i modi per sbloccare i fondi e pagare le legittime spettanze ai lavoratori. Non si possono lasciare le famiglie in così grave difficoltà"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X