stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Bronte, pascoli demaniali gratuiti contro la crisi per il coronavirus
COMUNE

Bronte, pascoli demaniali gratuiti contro la crisi per il coronavirus

di

Su pressing degli allevatori, per far fronte alla crisi economica da Coronavirus, il Comune di Bronte anche quest’anno concederà gratuitamente i 1800 ettari di pascoli demaniali sull’Etna e sui Nebrodi, il cui canone 2020 giorni fa era stato fissato in 50 euro a ettaro, pari al costo medio in queste zone dei pascoli regionali dal 2015. Con questi numeri, per il sessennio 2015-2020 il Comune registrerà più di mezzo milione di euro di mancati incassi e gli allevatori fondi europei per oltre un milione.

Rispetto alla Regione e ai limitrofi comuni di Maniace, Cesarò e Troina, che da anni i pascoli se li fanno pagare, il comune di Bronte ci ha guadagnato soltanto la funzione antincendio da pascolamento. Fin sul finire della Prima Repubblica, eppure, qui le concessioni si pagavano, ma la Seconda Repubblica l’usanza l’avrebbe “abrogata”.

L’amministrazione guidata dal sindaco Graziano Calanna, nel 2018, ha introdotto una simbolica «tassa di fida sui pascoli», pari a 3 euro a ettaro per i 1234 dei Nebrodi e a 6 euro per ognuno dei 567 ettari dell’Etna (aumentata nel 2019 del 50%) rispetto a quelli medi regionali di 50 euro, nelle stesse zone, e ai 150 euro a ettaro per l’affitto di pascoli naturali dai privati.

Il 17 aprile scorso, infine, la giunta Calanna ha deliberato il canone 2020 da 50 euro, che ora sospenderà del tutto.

Il consigliere d’opposizione Carlo Castiglione, «visto il momento di forte difficoltà che le attività produttive stanno attraversando», ha chiesto prima la revoca e una «rimodulazione del contributo», e poi, con un video su Facebook, la sospensione, come per i canoni regionali.
L’assessore alle Attività produttive, Giuseppe Di Mulo, con un video diffuso sui social ha annunciato: «Abbiamo ricevuto da numerosi allevatori sollecitazioni e richieste formali, vista la grave crisi che stiamo attraversando per la pandemia da Covid-19, di sospensione del pagamento del canone sugli usi civici dei terreni comunali per l’anno 2020. Così come sta facendo la Regione per i propri pascoli, con il sindaco e gli altri assessori abbiano deciso di sospenderlo».

Ma i casi sono diversi, perché negli anni i pascoli regionali sono stati pagati, quelli comunali no.
In conclusione, sembra rinviato al 2021 il tentativo di chiudere l’era delle concessioni gratuite dei pascoli demaniali del comune di Bronte che, nell’ambito della Pac 2015-2020, secondo alcune stime, ha garantito agli allevatori aiuti diretti europei per circa un milione di euro, oltre a quelli indiretti comunali per circa mezzo milione.

Irraggiungibile il sindaco Graziano Calanna per un commento.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X