stampa
Dimensione testo

Salute

Home Salute A Catania il primo centro studi di Fase I in Pediatria: è l'unico dell'Italia centro meridionale
SANITÀ

A Catania il primo centro studi di Fase I in Pediatria: è l'unico dell'Italia centro meridionale

Al via il Centro di sperimentazione clinica di Fase I su pazienti e volontari sani, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico G. Rodolico – San Marco” presentato ufficialmente durante un webinar, alla comunità scientifica e alle autorità sanitarie.

Una struttura multidisciplinare e multifunzionale che avrà al suo interno il primo centro studi di fase I di Pediatria, in corso di accreditamento, l’unico dell’Italia centro - meridionale. “Sono orgogliosa di questo traguardo – spiega la prof.ssa Giovanna Russo Direttore UOC di Onco-ematologia Pediatrica del Policlinico – che ci permette di intensificare i processi di cura dei nostri piccoli pazienti, che alla fragilità di essere malati uniscono anche quella di essere bambini. Seguiamo il loro percorso medico gestionale in modo onnicomprensivo. Le sperimentazioni di Fase I in Pediatria possono essere condotte solo in reparti ospedalieri pediatrici e solo se nell’ambito del team sperimentale vi sono medici specializzati in pediatria o discipline attinenti al protocollo dello studio. Sono un impegno significativo da pianificare in funzione degli obiettivi strategici del Centro Clinico. La rarità della casistica in aree quali Pediatria e patologie rare, può costituire un limite significativo rispetto alla decisione di costruire un’unità di Fase I. Pone sfide ma offre la possibilità di partecipare a sperimentazione su farmaci “early stage”, ma anche di attivare un processo costruttivo per le fasi successive di sperimentazione. Diventa dunque un’opportunità per creare un “sistema di qualità” per tutte le fasi di sperimentazione”.

Il reparto fa parte della AIEOP, Associazione Italiana di Ematologia ed Oncologia Pediatrica, ed è sito in un locale dedicato per creare un ambiente più riservato e protetto, accanto a un centro trapianti, una piccola sala operatoria per interventi minimi, e un laboratorio. Dodici posti letto, 10 medici, 24 infermieri e poi il personale costituito da psicologi e volontari. Svolge un’attività intensa di day hospital con cartelle cliniche informatizzate, la scuola in ospedale e laboratori permanenti Art Therapy.

Il nuovo Centro di Fase I vanta quindi una perfetta sinergia in un processo di integrazione dei percorsi assistenziali di ricerca che coinvolge non solo la Pediatria, ma praticamente tutte le aree della Medicina, dall’Oncologia, all’Ematologia, dalla Fisiatria agli studi di bioequivalenza su volontari sani, migliorando gli standard di trattamento e l’offerta sanitaria, che consente l’inserimento della Sicilia in un Network Europeo. Questo comporta un’ottimizzazione delle risorse, con la presenza di un personale dedicato e un’assistenza continua.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X