stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Divina Commedia con i volti dell'antimafia: premio a videomaker di Caltagirone
IL PROGETTO

Divina Commedia con i volti dell'antimafia: premio a videomaker di Caltagirone

PALERMO. Si chiamano Pelandroni, sono i giovani videomaker di Caltagirone che hanno presentato il loro ultimo video - incentrato sul IV canto del Paradiso della Divina Commedia - quando i termini per gareggiare erano già scaduti al Premio di lettura dantesca La Selva, il Monte, Le Stelle indetto dall’Accademia della Crusca e dalla casa editrice Loescher.

Ma ciò non ha impedito loro di salire sul palco dei vincitori.

La giuria ha infatti assegnato al loro lavoro un’inattesa menzione d’onore.

Che è stata consegnata al Salone del Libro di Torino.

Nella loro rilettura del Paradiso, di certo, non mancano le invenzioni ne le sorprese.

E i temi trattati nel testo dantesco, solo apparentemente lontani da noi, assumono i volti del nostro tempo: come quelli di Beppe Montana, Libero Grassi, Giuseppe Fava e Paolo Borsellino, chiamati a testimoniare il messaggio della Commedia secondo cui cedere alle minacce o alle violenze è sempre sbagliato.

E può renderci, addirittura, complici di esse.

A firmare il video è Giuseppe Federico, iscritto al primo anno di Medicina a Catania, che - dopo due esperienze come interprete - si e adesso cimentato per la prima volta con la sceneggiatura e la regia:

«Quello dei Pelandroni è un progetto nato quasi incoscientemente, casualmente, solo per partecipare a un concorso senza alcuna aspettativa futura. Oggi, invece, i programmi sono cambiati: i video realizzati diventano un punto di partenza per costruire qualcosa di diverso, nuovo e senza i limiti di un genere ben preciso. Essenziale è non fermarsi mai e costantemente regalare se stessi al sogno di un futuro migliore».

Tra le idee interpretative di un canto che si apre e si chiude su un tema attuale come quello del dubbio, c'e anche la scelta di sdoppiare il personaggio di Dante dandogli due volti: Davide Pernice (Dante 1) e Luciano Simbolo (Dante 2).

«In quest’ultima avventura - racconta Davide - vesto i panni di un Dante passivo; un Dante seduto nella sua stanza a guardare la Tv e a pensare che tutto può essere risolto dagli altri. Per fortuna dentro di lui risiede un Dante attivo (quello interpretato da Luciano) che non ha alcuna paura di agire e lo convince, anzi, ad alzarsi e a preferire piuttosto la morte che una tale sorte».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X