stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Da Librino al Porto di Catania,“battezzata” ieri la barca dell’inclusione LIA
L'INIZIATIVA

Da Librino al Porto di Catania,“battezzata” ieri la barca dell’inclusione LIA

Un viaggio tra responsabilità e inclusione sociale per la barca a vela in legno LIA. Ieri ha preso il largo dal porto di Catania l'imbarcazione costruita in kit da cinque giovani catanesi grazie al laboratorio “Lisca Bianca: costruzione dell’imbarcazione in kit LIA”.

Sono stati due mesi intensi, quelli vissuti da Daniele, Angelo, Giuseppe, Salvatore e Antonino, i giovani coinvolti nel progetto, che tra i locali della Parrocchia Nostra Signora del Santissimo Sacramento di Librino, hanno sviluppato competenze legate al mondo della cantieristica navale e della lavorazione in legno fino a costruire LIA. Una barca, lunga 3 metri per un futuro possibile, un riscatto sociale, un modo per restituire al loro quartiere, Librino, uno spaccato di umanità rinnovata.

«È con grande orgoglio – dichiara Edoardo Barbarossa, Presidente di Fondazione Ebbene - che presentiamo oggi alla comunità LIA. Una piccola imbarcazione a vela, che simboleggia il preziosissimo lavoro che Ebbene, insieme a tantissime realtà del territorio, realizza a Librino per contrastare disuguaglianza, illegalità ed emarginazione sociale, creando opportunità reali di protagonismo per i giovani».

E dopo il tradizionale varo si guarda già al futuro di LIA. «È importante che questa piccola imbarcazione – commenta Giuseppe Lombardo, Assessore ai Servizi Sociali e Politiche per la Famiglia del Comune di Catania - diventi uno strumento di inclusione e si possano declinare nuove strategie operative che rispondano alle esigenze dei giovani e della comunità. Siamo orgogliosi del lavoro che stiamo realizzando con gli enti del Terzo Settore, certi che i modelli di co-progettazione siano occasioni concrete per superare questo momento di particolare difficoltà».

Il laboratorio Lisca Bianca è promosso dall’omonima Associazione e dallo Scalo 5B in collaborazione con Associazione Centro Studi Opera Don Calabria, Fondazione Ebbene e il suo Centro di Prossimità Mosaico, il Consorzio Sol.Co., l’Associazione C’era Domani Librino, l’Ufficio Distrettuale di Esecuzione Penale Esterna, Ufficio di Servizio Sociale per Minorenni, Lega Navale Italiana di Riposto e la Parrocchia Nostra Signora del Santissimo Sacramento. L’iniziativa ha ricevuto il supporto della Regione Sicilia – Assessorato della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro - Dipartimento Famiglia e Politiche Sociali, fondi legge 328/2000, nell’ambito del progetto “Progetto sperimentale di contrasto al fenomeno della devianza minorile” e si inserisce nelle attività di volontariato promosse dalla Fondazione con il Sud, progetto “Officina Sociale del Volontariato Artigiano”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X