stampa
Dimensione testo

Società

Home Società La cometa di Neanderthal "accarezza" l'Etna innevato
SPAZIO

La cometa di Neanderthal "accarezza" l'Etna innevato

Il corpo celeste torna ad attaversare il sistema solare dopo circa 50 mila anni: l'immagine catturata dall'astrofotografo Dario Giannobile

La cometa 2022 E3 (ZTF) che sta transitando nei pressi del polo nord celeste, e a «catturarla» nell’ultima decade di gennaio sull’Etna innevato è stato l’astrofotografo Dario Giannobile in una magnifica fotografia pubblicata sul sito dell’AGI (https://www.agi.it/scienza/news/2023-01-25/spazio-cometa-neanderthal-etna-19800658/).
«Per quanto non sia stato difficile raggiungere la posizione da cui riprendere la cometa - spiega Giannobile, siciliano, spesso premiato dalla Nasa per le sue foto - le condizioni atmosferiche erano sicuramente proibitive. Durante la notte la temperatura è scesa a -8 C a quota 2000mt, una temperatura eccezionalmente fredda per la Sicilia.

Il paesaggio era però mozzafiato: una distesa di neve morbida disturbata solamente da alcune impronte di volpe e di conigli. I rami degli alberi si piegavano al peso della neve ma, soprattutto, il cratere di Sud Est era totalmente innevato».
«La sua vista - dice ancora Giannobile - lascia mozzafiato esprimendo, in un’unica immagine, una sensazione di forza e di delicatezza. Guardandolo è possibile scorgerne le pareti interne attraverso la frattura che ha causato il crollo di parte dell’edificio conico. Alcuni punti caldi appaiono nel buio: sono fumarole da cui escono vapori vulcanici, e in tutto questo, la bellezza del cielo con la splendida cometa che sorge dal fianco del vulcano. Essa risplende grazie ad una bellissima chioma verde turchese ed è impreziosita da una lunga coda e da una piccola anticoda e da centinaia di stelle che le fanno da sondo nel cielo».

Le comete sono forse gli oggetti più affascinanti del cielo.

«Sono prevalentemente costituiti di ghiaccio, polveri e rocce - ricorda Giannobile - e fu Giotto a farcele identificare come stella guida dei magi affrescandole nella cappella degli Scrovegni nel 1303. Sono diversi gli elementi che contribuiscono al fascino di questi oggetti. Sicuramente la rarità con cui le comete appaiono nel cielo, la loro difficoltà ad essere viste ad occhio nudo ma soprattutto la bellezza della coda e della chioma quando riescono ad essere osservate tra le infinite stelle del firmamento».

La cometa C/2022 E2 ZTF, nota anche come Cometa verde o cometa di Neanderthal (perchè forse fu vista dagli uomini del Neanderthal), torna ad attraversare il Sistema solare dopo circa 50 mila anni. Il primo febbraio alle 18:11 si prevede che la cometa passerà nel punto più vicino alla Terra, a circa 42.5 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Nota dal 2 marzo scorso, C/2022 E3 ZTF è stata individuata dagli astronomi Bryce Bolin e Frank Masci, del Zwicky Transient Facility in California.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X