stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca "No al green pass": il sindacato dell'Aeronautica militare protesta davanti alla base di Sigonella

"No al green pass": il sindacato dell'Aeronautica militare protesta davanti alla base di Sigonella

Sit-in di protesta davanti ai cancelli della base aeronautica di Sigonella. Questa mattina alcune decine di manifestanti hanno partecipato al presidio pacifico promosso dal Sindacato aeronautica militare (SIAM)  contro "il certificato verde pagamento".

Il comunicato del Siam

"Oggi siamo scesi in piazza! Il SIAM ha mandato un messaggio di grande forza e determinazione.  Lo abbiamo fatto per difendere il diritto al lavoro ed alla retribuzione di tanti colleghi ed addirittura per rivendicare il loro diritto di accedere al proprio alloggio. Lo abbiamo fatto per protestare contro un provvedimento che nulla ha a che fare con il contenimento della pandemia ma che ha tutte le caratteristiche di un’azione vessatoria nei confronti di chi ha la “colpa” di avere un posto di lavoro. Infatti esso non incide in egual misura nella vita di tanti che, purtroppo, un lavoro non ce l’hanno. Questa, dunque, è la brillante strategia di un Governo che invece di combattere la disoccupazione pensa a nuovi modi per far finire altra gente sotto i ponti? Rifletta la Politica che sostiene in maniera ottusa una misura vessatoria solo perché tornare indietro significherebbe ammettere di aver preso un enorme granchio! Oltretutto innescando un pericoloso braccio di ferro che porterà solo all’incancrenirsi del confronto con una parte delle forze sociali. Troppi forse dimenticano che coloro che oggi vengono colpiti, fino a ieri erano in prima linea a combattere per salvare vite ed a lottare contro questa pandemia. Ma si sa, la gratitudine non è di questo mondo - si legga nota del sindacato  - . Il SIAM continuerà ad essere dalla parte dei lavoratori, lottando con essi per la difesa dei loro diritti. Anche a costo di dover prendere posizioni ritenute scomode da chi invece ama il 'quieto vivere'".

Messina (Siam): "Costretti a pagare per andare a lavorare"

"Oggi diamo qui per manifestare pacificamente e liberamente - ha spiegato Alfio Messina del Siam - il nostro dissenso ad un provvedimento, il cosiddetto green pass, che introduce per il lavoratori una sorta di ricatto. I colleghi sono costretti a pagare per andare a lavorare.  Il Siam respinge questa formula, chiede al Governo di ritirare il provvedimento o di rendere gratuiti i tamponi. Non è possibile che una vaccinazione fatta facoltativa si traduca in un esborso di danaro per i lavoratori. Noi respingiamo questo tipo di provvedimento e questa formulaione. Il Governo se ha coraggio faccia le sue scelte ma non faccia pagare ai lavoratori le proprie irresponsabilità", ha concluso.

 

© Riproduzione riservata

PERSONE:

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X