stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Guardiani abusivi di case e terreni, indagate 5 persone nel Catanese

Guardiani abusivi di case e terreni, indagate 5 persone nel Catanese

Su delega della Procura Distrettuale della Repubblica di Catania, i carabinieri hanno notificato avviso di conclusioni indagini  nei confronti di 5 persone di Santa Maria di Licodia e Paternò, poiché gravemente indiziati di esercitare abusivamente attività di guardiania di terreni e di immobili.   L’attività trae origine dall’individuazione, durante lo svolgimento di servizi di perlustrazione da parte dei militari, di segni di vernice “spray” di colore rosso, verde e blu apposti davanti ai cancelli di alcune proprietà.

Dalle dichiarazioni rese da oltre 50 proprietari è stato possibile accertare che tali colori costituivano dei segni distintivi, collegati alla vigilanza privata non autorizzata, pagata attraverso una retta annua di circa 50 euro per ogni ettaro di terreno, quale compenso per la guardiania ricevuta, e che i diversi colori utilizzati identificavano un diverso soggetto che si occupava della guardiania. Numerosi proprietari terrieri hanno inoltre riferito di aver subito, nel corso del tempo, diversi danneggiamenti alle proprietà.

Il grave quadro indiziario così emerso, supportato da concreti elementi di riscontro acquisiti all’esito delle attività investigative, seppur in una fase procedimentale comunque caratterizzata dalla non integrazione del contradittorio delle parti, ha permesso inoltre di riscontrare che due degli indagati percepivano indebitamente negli anni 2020 e 2021 il Reddito di Cittadinanza per un importo complessivo di oltre 15.000 euro  mentre un terzo, titolare di pensione di invalidità contributiva per ridotta capacità lavorativa, ha percepito 32.000 euro circa dal 2018 al 2021.

L’I.N.P.S., che ha confermato l’importo, ha revocato i benefici indebitamente percepiti – evitando così che l’Erario continuasse ad elargire ai soggetti denunciati ulteriori consistenti somme non dovute – avviando altresì le necessarie procedure di restituzione di quanto illecitamente percepito.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X