stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Catania, furti in appartamento con le chiavi prese dalle auto e copiate: tre arresti

Catania, furti in appartamento con le chiavi prese dalle auto e copiate: tre arresti

Attraverso l’impianto di videosorveglianza di una casa è stato possibile identificare i ladri, che, dopo avere scassinato la cassaforte con la fiamma ossidrica, avevano rubato gioielli per un valore di quasi 100.000 euro

Individuavano le loro vittime nei parcheggi di supermercati e ospedali: rovistavano nelle loro auto e, se le trovavano, facevano subito, sul posto, un duplicato delle chiavi di casa. Poi pedinavano i loro obiettivi per conoscerne le abitudini, utilizzando anche dei sistemi Gps installati nelle loro vetture. Quando erano certi che non ci fosse nessuno in casa entravano nelle abitazioni, utilizzando il duplicato delle chiavi (da qui il nome Clone dato all'operazione) e le svaligiavano. È la tecnica utilizzata da una banda di ladri sgominata dai carabinieri della compagnia Piazza Verdi di Catania, che ha arrestato tre uomini di 32, 55 e 59 anni. Il 55enne era il capo del gruppo.

Nei loro confronti i militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione per delinquere finalizzata a commettere furti in abitazione. La Procura di Catania contesta agli indagati sei furti compiuti e uno tentato che avrebbero fruttato loro, complessivamente, un bottino stimato in circa 23.000 mila euro.

Le indagini erano state avviate dopo un furto in abitazione commesso nell’agosto del 2020. I carabinieri della stazione Piazza Verga, attraverso la visione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza dell’appartamento, sono riusciti ad identificare i ladri, che, dopo avere scassinato la cassaforte con la fiamma ossidrica, avevano rubato gioielli per un valore di quasi 100.000 euro.

I tre sono stati arrestati in flagranza di reato dopo un furto in un’abitazione di San Gregorio Etneo. In quell'occasione i militari dell’Arma hanno sequestrato numerosi oggetti preziosi, denaro, arnesi atti allo scasso, una fiamma ossidrica con relative bombole di gas, mazzi di chiavi, una pistola, un disturbatore di frequenza per inibire l'avviso telefonico dell’impianto antifurto, telecomandi e quattro targhe per auto contraffatte.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X