stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Delitto di Paternò, l’accusato si rifiuta di bere
SCIOPERO

Delitto di Paternò, l’accusato si rifiuta di bere

di

PATERNO'. È in programma oggi, alle 9, l’interrogatorio di garanzia tenuto dal gip Giovanni Cariolo, per l'udienza di convalida del fermo di Giulio Arena, 57 anni, il docente di musica del conservatorio "Vincenzo Bellini" di Palermo, accusato dell'omicidio di Natale Pedalino, 66 anni, ucciso con 40 coltellate all'addome e altorace. Il cadavere di Natale Pedalino è stato scoperto in una strada secondaria della Provinciale 77, in contrada Cotonieria, intorno alle ventitrè di sabato scorso.

Giulio Arena, all'atto del fermo si è avvalso della facoltà di non rispondere, ritenendosi innocente. «Il mio assistito - dice l'avvocato Turi Caruso - ha iniziato lo sciopero della sete. Da quando si trova in carcere non assume i farmaci che gli sono stati prescritti per curarsi. Il medico gli ha diagnosticato uno stato ansioso depressivo reattivo, nonché dacardiopatia ipertensiva. Per questo motivo presenterò al giudice inquirente come prima istanza la richiesta di somministrazione dei necessari farmaci secondo la prescizione dovuta».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X