stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca La droga al Cara di Mineo, così la mafia nigeriana riforniva le piazze siciliane
DAL GDS IN EDICOLA

La droga al Cara di Mineo, così la mafia nigeriana riforniva le piazze siciliane

La base operativa era il Cara di Mineo. È qui che il gruppo criminale, ala operativa della mafia nigeriana, faceva affari con la droga, rifornendo gli spacciatori di Catania e Caltanissetta. È quanto emerge dall'operazione della polizia che ieri ha portato all'arresto di dieci latitanti in Francia e Germania, tra Parigi, Nancy, Marsiglia e Nizza. Sono tutti giovani di età compresa fra i 25 e i 29 anni, molti di loro impiegati come pusher.

Come si legge sul Giornale di Sicilia di oggi, la loro storia comincia da lontano con l'arrivo in Italia a bordo dei gommoni. Una volta giunti - ricostruiscono gli inquirenti - i nigeriani si sono specializzati nel traffico di stupefacenti e di sostanze psicotrope.

Non solo riescono a fare arrivare in Italia marijuana e cocaina, ma riforniscono anche i pusher nigeriani che poi spacciano nelle piazze di Catania, Caltagirone e Caltanissetta.

A fare luce sull'illecito traffico le intercettazioni telefoniche. Emerge un vero e proprio codice: il «riso bianco» era la cocaina, i termini «levo« e «atuper» stavano per indicare la marijuana. Così come anche i nomi dei capi di abbigliamento venivano utilizzati per intendere lo stupefacente.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X