stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Accoltella vicina di casa a Catania, romena arrestata: "Mi sono difesa"
L'INTERROGATORIO

Accoltella vicina di casa a Catania, romena arrestata: "Mi sono difesa"

Catania, Cronaca
Il tribunale di Catania

Ha agito per legittima di difesa. E' la tesi sostenuta da Georgeta Colesnicenco, la 47enne romena fermata due giorni fa dalla polizia per l'omicidio di una 42enne colombiana, ferita mortalmente con una coltellata all'addome, a Catania durante una lite tra vicini di casa.

Durante l'interrogatorio di garanzia reso davanti al Gip, la donna ha sostenuto di "essere stata aggredita all'interno della propria abitazione, da tre persone, compresa la donna deceduta", che, "colpendola con violenti calci, pugni e spintoni", le avrebbero "provocato lesioni sul collo".

Ferite che, secondo l'indagata, le sarebbero state "riscontrate e refertate" prima del suo ingresso nel carcere Pagliarelli di Palermo dove è detenuta. La linea di difesa è contenuta nella richiesta di incidente probatorio presentata al Gip dal suo legale, l'avvocato Pietro Ivan Maravigna. Il penalista chiede che "venga disposta una perizia sul corpo" della sua assistita per "accertare la sussistenza di tale riferite lesioni" a quando risalgono e per "chiarire se siano state autoinferte" o se la donna sia "stata vittima di un'aggressione".

Il Gip si è riservato di decidere. L'avvocato Maravigna, nel rendere nota la sua iniziativa, sottolinea come "grazie all'impegno di Ilaria Cucchi e ad associazioni come 'Nessuno tocchi Caino' oggi non entra nessuno in una struttura carceraria senza essere stato prima sottoposto ad una visita medica".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X