stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Ramacca, denunciato imprenditore per aver coperto tracce della morte di un dipendente
CARABINIERI

Ramacca, denunciato imprenditore per aver coperto tracce della morte di un dipendente

Avrebbe nascosto le tracce della morte di un proprio dipendente, deceduto il 15 febbraio dopo essere caduto dal tetto di un'abitazione del Catanese. Per questo motivo un imprenditore edile di 46 anni è stato denunciato per omicidio colposo derivante da violazioni delle norme per la prevenzione degli infortuni. Denunciati anche un 82enne per la responsabilità penale a carico del committente dei lavori, nonché un muratore di 36 anni ritenuto responsabile di favoreggiamento personale.

L'uomo è caduto dal tetto di un cantiere edile ubicato a Ramacca, in via SS. Crocifisso. Informazione inizialmente falsificata dai racconti dell'imprenditore che aveva invece indicato come luogo dell'incidente un'abitazione privata a Mineo. Lì, ha fatto sapere inizialmente l'imprenditore, l'uomo sarebbe caduto dal tetto durante i lavori di sistemazione di un'antenna. In seguito alla caduta avvenuta lo scorso 12 febbraio, l'operaio di 60 anni è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Cannizzaro di Catania. Qui è stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico a causa di politraumi derivanti dalla caduta.

I militari, non ritenendo esaustiva la tesi della casualità dell’incidente, hanno eseguito degli approfondimenti investigativi, avvalsisi anche dell’analisi delle immagini registrate dai sistemi di video sorveglianza attivi nella zona indicata. Grazie alle immagini, i militari hanno confutato la testimonianza dell'imprenditore chiarendo come la vittima stesse in realtà effettuando attività lavorativa in nero ed in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, all’interno  di un cantiere edile ubicato a Ramacca. Dopo l'incidente, uno dei dipendenti della ditta, un muratore di 36 anni, avrebbe poi provveduto a lavare le tracce di sangue formatesi sul pavimento del cantiere, al fine di eludere le indagini nei confronti del proprio datore di lavoro.

Il cantiere è stato sottoposto a sequestro.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X