stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Girava armato, arrestato il boss catanese Ercolano: al maxiprocesso si cucì la bocca con la spillatrice
MAFIA

Girava armato, arrestato il boss catanese Ercolano: al maxiprocesso si cucì la bocca con la spillatrice

mafia, maxiprocesso, Salvatore Ercolano, Catania, Cronaca
Salvatore Ercolano

I carabinieri di Torino hanno arrestato Salvatore Ercolano detto 'Turi', 71 anni, catanese ma residente nel capoluogo piemontese, esponente di spicco della mafia etnea e affiliato al clan Santapaola-Ercolano: è accusato di porto e detenzione illegale di armi comuni da sparo.

Le indagini, condotte dai militari del Nucleo investigativo tra marzo e maggio 2019, hanno accertato come l’uomo - già condannato per mafia nel maxiprocesso di Palermo e ora libero dopo alcuni decenni trascorsi in carcere - abbia in più occasioni girato sul territorio nazionale armato di pistola.

Ercolano, che ora si trova agli arresti domiciliari, nel maggio 1986, durante il maxiprocesso, si era cucito la bocca con due colpi di spillatrice per protestare contro i pentiti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X