stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca San Pietro Clarenza, ruba uno scooter ma le telecamere lo inchiodano: denunciato
CARABINIERI

San Pietro Clarenza, ruba uno scooter ma le telecamere lo inchiodano: denunciato

I carabinieri della stazione di Camporotondo Etneo hanno denunciato un 27enne catanese per furto aggravato in concorso.

Qualche giorno fa una donna ha denunciato di essere stata vittima del furto del suo motoveicolo Honda SH, che aveva posteggiato nel pomeriggio nei pressi della sua abitazione di San Pietro Clarenza. I carabinieri hanno avviato un’attività investigativa, avvalendosi anche dei sistemi di videosorveglianza presenti in zona, riuscendo a dare un nome e un volto all’autore del furto, il 27enne denunciato, già noto per i suoi pregressi giudiziari.

Dall’analisi delle immagini estrapolate i militari hanno infatti riscontrato, nel luogo e nella fascia oraria indicati dalla vittima, la presenza di un uomo a bordo di un’autovettura, una Fiat Panda di colore rosso, che nelle fasi antecedenti e successive al furto si sarebbe aggirato nei pressi della strada dove era posteggiato lo scooter.

Dalle immagini si è anche avuto modo di verificare che l’SH, dopo essere stato asportato e allontanato a spinta da un complice, sarebbe stato «scortato» dalla Fiat Panda prima di far perdere le tracce dalla zona per poi essere abbandonato in territorio di Paternò dove il giorno dopo, in via Varese, una pattuglia del Nucleo Radiomobile della locale compagnia dei carabinieri lo ha rinvenuto e restituito alla proprietaria.

Gli spostamenti effettuati dal 27enne, conducente della Panda, successivamente alla consumazione del furto dello scooter, sono stati registrati da altre telecamere della zona ed hanno consentito ai militari di fornire riscontro sulla sua identità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X