LAVORATORI A RISCHIO

Vertenza "Spaccio alimentare", a Misterbianco chiude il punto vendita "Centro Sicilia"

di

Centottanta dipendenti con il fiato sospeso. Si tratta dei lavoratori del “Centro Sicilia” a Misterbianco, della catena “Spaccio alimentare”, che oggi ha chiuso.

A comunicare la notizia all’improvviso la proprietà, l’impresa “Distribuzione Cambria” di Pace del Mela. I dipendenti, che non si trovano in cassa integrazione, saranno da subito impegnati nell’attività di inventario della merce rimasta dopo la svendita avvenuta nelle scorse settimane.

Non trapela però ottimismo perchè i lavoratori temono possa ripetersi il caso “Portali” dove il negozio è stato svuotato da merce e personale e lasciato libero ad un nuovo acquirente.

L'Ugl lancia l'allarme e parla di bomba sociale. "Per la nostra città e per il settore della grande distribuzione è l’ennesima bomba sociale – dichiarano Carmelo Catalano e Vito Tringale, rispettivamente segretario e vice della federazione etnea Ugl Terziario. Per questo abbiamo già chiesto un incontro urgente al Prefetto, anche per conoscere a che punto sono le trattative per la cessione delle attività ad un noto gruppo imprenditoriale che opera nel settore in Sicilia".

"Non si può più giocare a carte scoperte - continuano -, perché ci sono famiglie ormai giunte alla disperazione, senza stipendio e con il posto di lavoro in bilico. E’ necessario, infatti, che venga trovata la soluzione per applicare la continuità occupazionale e far transitare le 180 unità nell’organico del nuovo acquirente, evitando che questi dipendenti formati e professionalizzati nel tempo, vengano così lasciati sul lastrico senza la tutela che meritano".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X