stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Sirti, i sindacati a Catania: "Preoccupa il piano aziendale"
LO SCIOPERO

Sirti, i sindacati a Catania: "Preoccupa il piano aziendale"

Dopo la rottura delle trattative con la Sirti e lo sciopero di martedì, che ha visto una massiccia partecipazione anche nella sede di Belpasso, le segreterie catanesi di Fim Cisl-Fiom Cgil-Uilm Uil in una nota ribadiscono la «forte preoccupazione per gli scenari prospettati dal piano aziendale».

«Nelle assemblee - sottolineano - i lavoratori catanesi hanno respinto quel piano che prevede il restringimento della platea interessata dal contratto di solidarietà e l’aumento delle percentuali di riduzione salariale fino a un picco massimo individuale del 50 per cento, oltre alla riduzione del buono pasto da 13,50 a 8 euro».

"Da un lato si chiedono ulteriori sacrifici alle lavoratrici e ai lavoratori- aggiungono Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil - e dall’altra l’azienda tratta acquisizioni di società che operano nel campo delle installazioni: un paradosso. Ricordiamo, inoltre, che il piano sociale iniziato nel 2019 fissava principi cardine per il mantenimento dei livelli occupazionali e salariali, che oggi vengono messi in discussione». «Per i lavoratori, già in grande difficoltà dopo un anno di contratto di solidarietà - concludono le tre organizzazioni di categoria - si profila un peggioramento della loro condizione a causa delle proposte, irricevibili, avanzate dai vertici della Sirti. Per queste ragioni, oltre allo sciopero di martedì, le segreterie nazionali di Fim-Fiom-Uilm hanno unitariamente richiesto con urgenza un incontro al Mise. Servirà a verificare lo stato della vertenza, attualmente in stallo». (ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X