stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Le imprese siciliane propongono alla Regione un patto di sviluppo per il Recovery plan
CONFINDUSTRIA

Le imprese siciliane propongono alla Regione un patto di sviluppo per il Recovery plan

L'appello a definire obiettivi comuni viene inviato, oltre che alle istituzioni, anche ai sindacati
confindustria sicilia, Alessandro Albanese, Catania, Economia
Antonello Biriaco

Un patto di scopo tra istituzioni, imprese e forze sindacali per centrare gli obiettivi del Recovery Plan e riavviare il circuito dello sviluppo. Sostenibilità, transizione tecnologica, infrastrutture, formazione del capitale umano, sanità, sono gli assi portanti della crescita, ma solo regole certe, chiare e stabili potranno creare le condizioni per investire e dare un volto nuovo al territorio.
È questo l’appello lanciato dagli industriali catanesi nel corso dell’evento «Next Generation Catania», svoltosi a Villa Itria (Viagrande), in occasione della 95esima assemblea dei soci, con la partecipazione di oltre 200 tra imprenditori e rappresentanti delle istituzioni.

«Stiamo vivendo un tornante cruciale della storia - ha dichiarato il presidente di Confindustria Catania, Antonello Biriaco - mai come oggi dobbiamo avere un’idea chiara ed efficace del domani, delle trasformazioni necessarie a rendere il nostro territorio attrattivo. Catania può contare su piccole e grandi imprese di valore che nonostante le difficoltà indotte dalla pandemia, stanno continuando a realizzare importanti investimenti. Ma le enormi risorse messe in campo dal Piano di ripresa e resilienza, impongono un cambio di passo. Per «scaricare a terra» i fondi europei occorrono capacità progettuale e concretezza. Oggi chiediamo a chi ci governa stabilità, semplificazione, rapidità nelle decisioni. In primis, di eliminare le complessità burocratiche che affliggono gli investimenti e l’iniziativa privata».

Un appello condiviso e rilanciato dal presidente di Confindustria Sicilia Alessandro Albanese: «Quello che stiamo vivendo rappresenta un momento di opportunità straordinarie. Ci sono i fondi, ci sono le imprese che non si sono mai fermate, ci sono le idee. Occorre però che la politica crei le condizioni affinché tutto questo si trasformi in investimenti e quindi in crescita economica e sociale, ottenendo quel benessere diffuso che deve essere l’obiettivo di tutti».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X