stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Bronte, raffica di interrogazioni in Consiglio Comunale: si discute di scuola, alloggi popolari e manifestazioni
COMUNI

Bronte, raffica di interrogazioni in Consiglio Comunale: si discute di scuola, alloggi popolari e manifestazioni

di

Interrogazioni a oltranza dell’opposizione consiliare all’amministrazione cittadina guidata dal sindaco Pino Firrarello, su manifestazioni natalizie, lavori di completamento dell’asilo nido Puccini e dei 60 alloggi popolari e su un incarico di progettazione per la strada di collegamento della Ss 284 con il viale Kennedy. A relazionare, durante l’ultimo Consiglio comunale, è stato l’assessore ai Lavori pubblici, Roberto Landro.

I consiglieri Graziano Calanna, Cristina Castiglione, Chetti Liuzzo Samanta Longhitano (Pd) e Giuseppe Ruffino (Iv), hanno chiesto chiarimenti su due eventi natalizi - nonostante l’emergenza Coronavirus - per cui erano previste 384 e 500 euro di spese. Landro ha precisato: «La prima è servita a stampare manifesti e brochure per pubblicizzare e incentivare acquisti presso commercianti brontesi, vista la crisi economica da Covid-19; la seconda riguardava una degustazione di prodotti tipici locali, anche con i medici dell’Usca, impegnati a Bronte nel contrasto alla pandemia, che poi non si è fatta per l’inasprirsi dell’emergenza Covid».

Sull’asilo nido Puccini, con l’aggiunta del consigliere autonomista Salvatore Calamucci, la minoranza ha chiesto lumi su dichiarazioni stampa del sindaco relative a nuovi finanziamenti per 630 mila euro. Landro ha sottolineato, fra l’altro, che «come quello della ristrutturazione, il finanziamento risale al 2013 e riguarda la gestione dei primi tre anni dell’asilo. Ricevuti gli atti dei lavori, ultimati il 12 novembre scorso, la Regione erogherà le ulteriori somme anche a seguito dei recenti chiarimenti intercorsi fra noi e l’Assessorato. Inoltre, sempre per la gestione, utilizzeremo i fondi sulla buona scuola che ammontano a circa 70-75 mila euro annui».

I sei consiglieri, poi, hanno contestato la maggiore spesa comunale per il completamento dei 60 alloggi popolari del quartiere Sciara Sant’Antonio. Su relazione del capo ufficio tecnico, l’assessore Landro ha spiegato: «Da perizia di variante, di fine 2019 inizio 2020, per completare gli alloggi servono altri 935.352,47 euro. L’ingegnere Salvo Caudullo, secondo le percentuali del finanziamento originario, li aveva ripartiti in: 703.450,53 (Assessorato regionale Infrastrutture), 125.271,76 (Iacp Catania) e 106.630,18 (comune di Bronte). L’Assessorato ha autorizzato la variante e concesso 610 mila euro - ha puntualizzato Landro -, gli altri 93.450,53 li metterà il comune col bilancio 2021, compartecipando così per 200.800,71 euro. Abbiamo fatto questa scelta, perché l’Assessorato disponeva immediatamente di 610mila euro, per evitare l’attesa di qualche anno e tenere bloccati lavori e consegna degli appartamenti ai cittadini, ma stiamo provando a far finanziare il minore trasferimento della Regione dall’Iacp di Catania».

Infine, l’incarico ingegneristico per la bretella Ss 284-viale Kennedy (via di fuga di protezione civile), annunciato il 16 ottobre 2020 dal sindaco Firrarello, tramite comunicato stampa del comune, ma per il quale otto giorni dopo l’ente avviava una gara, senza affidarlo direttamente sebbene inferiore al limite di legge di 40 mila euro. Alla procedura negoziata venivano invitati due studi d’ingegneri, fra cui quello già in contatto con l’ufficio tecnico, che da unico concorrente se l’aggiudicava col ribasso del 25%, quindi per 23.475,88 euro rispetto all’importo a base d’asta di 31.301,17 (iva e oneri accessori esclusi).

Al centro del dibattito consiliare, oltre all’annuncio di ottobre, è finita un’altra dichiarazione del sindaco Pino Firrarello, secondo l’opposizione pubblicata da un quotidiano regionale il 5 novembre, contenuta in un comunicato stampa diffuso, con la data del giorno precedente, la sera del 6 novembre, per cui dopo la scadenza del termine per la presentazione delle offerte. L’assessore Roberto Landro ha chiarito: «Il sindaco era stato informato dall’ufficio tecnico della presentazione di una sola istanza, per un equivoco ha ritenuto che fosse conclusa la procedura amministrativa e da ciò è scaturito il comunicato stampa».

Il consiglio si è svolto alla presenza del segretario generale del Comune, dottor Giuseppe Bartorilla, e di rappresentanti delle forze dell’ordine che hanno vigilato anche sull’osservanza della normativa anti Covid.
I consiglieri Graziano Calanna, Samanta Longhitano e Cristina Castiglione, relatori delle interrogazioni, non si sono ritenuti soddisfatti dalle risposte fornite dall’Amministrazione comunale. La battaglia continua.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X