Etna, nuova emissione di cenere lavica. Il vulcanologo: "Nessuna correlazione con i terremoti"

di

Una caduta di sabbia vulcanica sta interessando i paesi pedemontani del versante orientale dell'Etna. Il fenomeno è originato dall'attività dei crateri sommitali.

Come spiega il vulcanologo dell'Osservatorio catanese dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia Boris Behncke: "E' già da più di due settimane che il Cratere di Nord-Est - il più alto (3326 m) dei crateri sommitali dell'Etna - sta emettendo cenere in maniera intermittente".

"Oggi, 23 gennaio 2019, si sono osservate emissioni di cenere anche dal cratere Bocca Nuova (il più grande dei crateri sommitali etnei). Questa attività - continua - non ha niente a vedere con i terremoti sui fianchi dell'Etna o con altri cataclismi che qualcuno potrebbe ritenere imminenti. L'attività sismica è attualmente piuttosto bassa e su livelli completamente normali".

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X