stampa
Dimensione testo

Da Catania a Palermo un treno speciale per dire no alla violenza sulle donne

di

Un treno da Catania a Palermo un "filo rosso" per dire no ai femminicidi e alla violenza contro le donne. È partito, alle 9 in punto, dal capoluogo etneo il treno speciale #tunonseisola, in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne e grazie al patrocinio di Rete ferroviaria italiana e Trenitalia.

In stazione anche il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, e l'assessore regionale alla Famiglia, Antonio Scavone.

È stato così dato il via alla settimana di eventi contro la violenza sulle donne, organizzati dall’assessorato alla famiglia e alle Politiche Sociali della Regione Siciliana, con l’Ufficio della Consigliera di Parità contro la violenza. Una settimana per ricordare le donne siciliane vittime di femminicidi.

Le iniziative sono partite, simbolicamente, a bordo di un treno con equipaggio interamente al femminile, dal personale di condotta a quello di scorta, al customer care. Donna anche la dirigente movimento, coadiuvata, per l'occasione, dal governatore Musumeci.

A bordo sono saliti amministratori di enti locali, donne attive della società civile, imprenditori, artisti, docenti e studenti per un viaggio che percorre le tappe obbligatorie per contrastare il femminicidio: il coraggio, la denuncia, la sensibilizzazione dell’opinione pubblica, la costruzione di una rete che metta insieme sinergicamente istituzioni, associazioni e cittadini.

Il treno è giunto alla stazione di Palermo alle 12.38. Al suo arrivo, il flash mob "Il ballo ci piace, ma la violenza sulle donne no", messo in scena da una cinquantina di studenti delle scuole superiori di Catania e Palermo. A seguire, in un'aiuola della stazione è stato piantumato un albero d'ulivo, in memoria delle donne siciliane vittime di femminicidio.

«Per portare a conoscenza della vittima, una donna in pericolo, le informazioni utili per trovare immediato sostegno – spiega l’assessore regionale Antonio Scavone – abbiamo realizzato un QR Code che rimanda a una pagina web dove sono presenti tutti i CAV (Centro Antiviolenza) siciliani. La Settimana #tunonseisola, che presenteremo lunedì mattina – prima alla Stazione di Catania e poi all’arrivo a Palermo - è accompagnata da una serie di misure e iniziative legislative che abbiamo messo a punto in questi mesi. Dal 2000 a oggi le donne uccise in Italia sono 3.230, di cui 2.355 in ambito familiare e 1.564 per mano del proprio coniuge o ex partner: dobbiamo agire per arrestare quest’onda che sta travolgendo la società».

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X