stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Etna in eruzione, fine dell'emergenza: riapre l'aeroporto di Catania

Etna in eruzione, fine dell'emergenza: riapre l'aeroporto di Catania

di

La Sac, società che gestisce i servizi dell’aeroporto di Catania, rende noto che, in seguito alla fine dell’emergenza legata all’attività eruttiva dell’Etna, lo spazio aereo attorno al vulcano è stato riaperto e lo scalo è tornato operativo. Potrebbero comunque verificarsi ritardi. I passeggeri possono informarsi sullo stato del proprio volo con le compagnie aeree.

Quello visto ieri sull'Etna è stato uno spettacolare parossismo, il 17°, iniziato intorno alle 17.30 del 31 marzo, con esplosioni ed emissioni di sabbia dal cratere di Sud Est ed intensificatosi nelle ore successive, con straordinarie fontane di lava e fortissimi boati.

La spettacolare attività stromboliana è gradualmente passata a fontane di lava al Cratere di Sud-Est a partire dalle 23. Stavolta l'eruzione ha assunto fisionomicamente maggiore spettacolarità, in quanto contestualmente, da poco dopo la mezzanotte, si osserva un trabocco lavico dall'orlo orientale del cratere di SE che si espande nella parte alta della Valle del Bove, mentre prosegue l'attività effusiva dalla bocca attiva alla base meridionale del cratere di Sud-Est.

Questa bocca produce una debole attività esplosiva e continua ad alimentare il flusso lavico, che si riversa nel settore occidentale della Valle del Bove. Questa ennesima eruzione dell'Etna è costantemente monitorata dall'Osservatorio etneo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che sta effettuando un superlavoro, acquisendo notevole materiale scientifico molto utile per lo studio della fenomenologia vulcanica dell'Etna, che si pone sempre più come laboratorio scientifico mondiale.

Per quanto riguarda la temutissima caduta della sabbia, prodotta dal vulcano, che ha messo in ginocchio oltre quaranta Comuni pedemontani, stavolta, non vengono segnalati particolari disagi. Infatti, in base al modello previsionale, la nube di polvere, che ha raggiunto un'altezza di circa 9000 metri, si disperde in direzione Sud-Sud Ovest.

"L'andamento temporale dell'ampiezza del tremore vulcanico evidenzia un continuo aumento dei valori che hanno raggiunto livelli molto alti. Il centroide delle sorgenti del tremore vulcanico è localizzato in corrispondenza del Cratere di SE ad una elevazione compresa tra 2500 e 2800 m sul livello del mare".

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X