stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Giovani dipendenti dal virtuale, in scena il fenomeno degli Hikikomori: spettacolo a Catania

Giovani dipendenti dal virtuale, in scena il fenomeno degli Hikikomori: spettacolo a Catania

In scena il 21 maggio al Centro Zō di Catania lo spettacolo teatraleC’è nessuno” che si occupa del rapporto delle giovani generazioni con Internet, i media e i videogiochi.

Un rapporto che specie in questo periodo di pandemia sta creando maggiore dipendenza.

Da qui è nato il fenomeno degli Hikikomori, ossia ragazzi chiusi in casa che rifiutano ogni rapporto che non abbia la mediazione della rete. Regista dello spettacolo è Gioacchino Cappelli, insieme a Sebastiano Sicurezza e Salvatore Tornitore. Dai 16 ai 24 anni, Cappelli ha privilegiato il rapporto con il virtuale, a fatica ha conseguito la maturità fino ad arrivare al progetto dello spettacolo.

"Il lavoro non vuole condannare o giustificare il fenomeno, ma vuole mettere in luce piaceri e malesseri che causano il fenomeno stesso", si legge in una nota.

 

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X